Aria di vacanze : vacanze green

La crisi può anche avere qualche risvolto positivo, come quanto emerso da un’ analisi Coldiretti, che è stata presentata in occasione dell’incontro con il Touring italiano “Dentro il paesaggio-Agricoltura sostenibile e turismo compatibile”.

I dati emersi dalla ricerca Coldiretti attestano che la crisi ha portato ad ad accorciare le vacanze e tagliare i budget.

Ecco che gran parte dei cittadini decide quindi di trascorrere una vacanza più economica e “green” rispetto al turismo tradizionale.

Nel 2020 si stima in Italia un valore record del turismo ecologico di 11 miliardi. La Coldiretti, la maggiore associazione di rappresentanza e assistenza dell’agricoltura italiana, afferma che la primavera ha finora affermato il trend in ascesa del turismo sostenibile.

Il Presidente della Coldiretti afferma inoltre che il turismo ecologico sta subendo un progressivo aumento del fatturato e delle presenze.

In Italia sono 871 i parchi, le oasi e le aree protette in cui si può godere di una vacanza alternativa e di uno spettacolo unico della natura. La aree naturali protette in Italia costituiscono il 10% del territorio nazionale.

Da quanto emerso dall’indagine di Coldiretti il 55% dei cittadini sceglie la meta di destinazione tenendo conto della presenza di bellezze paesaggistiche e naturalistiche.

Le altre scelte sono dettate per il 49% dall’arte, cultura e storia, dal relax nel 33% dei casi ed infine dal divertimento per il 22% della popolazione. Gli italiani che scelgono una vacanza naturalistica preferiscono il Trentino Alto Adige, mentre quelli che scelgono un percorso enogastronomico prediligono la Sicilia.