Economia circolare che significa?

Con l’aumento del ritmo della produzione globale, aumenta anche la preoccupazione per l’impatto sul pianeta. Di conseguenza, l’ONU ha dichiarato che il consumo energetico responsabile dovrebbe essere uno degli obiettivi principali di qualsiasi azienda, entro il 2030.

Le aziende hanno la responsabilità di sostenere un modello di economia circolare, dove si eliminano i rifiuti e si incoraggia il riutilizzo e il riciclo costante delle risorse. Questo fatto è particolarmente importante nei settori della distribuzione e della produzione dove, secondo uno studio di Sage, tre quarti delle organizzazioni hanno già una strategia di economia circolare. Settori che tradizionalmente sono stati tra i maggiori produttori di emissioni e che oggi possono trarre grandi benefici da consumi ridotti e maggiore efficienza.

Di fronte a questo scenario, l’implementazione di processi più verdi e sostenibili nella catena di fornitura e produzione deve essere una priorità assoluta. In questa ricerca della formula perfetta per eliminare gli sprechi e adottare un sistema di economia circolare, soluzioni tecnologiche come la pianificazione delle risorse aziendali (ERP) possono svolgere un ruolo importante nel processo, per ridurre il consumo di energia e i costi.

Il potere della visibilità dei dati

Una delle maggiori sfide nel guidare la sostenibilità aziendale è la pura complessità delle organizzazioni moderne. I decisori nelle aziende immagazzinano un grande volume di dati da cui estrarre informazioni preziose per l’organizzazione, prodotte da un gran numero di dispositivi connessi all’IoT, installati nelle linee di produzione e nelle catene di approvvigionamento. Tuttavia, la maggior parte dei leader aziendali non ha il tempo e le risorse per analizzare correttamente queste informazioni.

D’altra parte, se le infrastrutture che generano grandi volumi di dati lo fanno in modo frammentato, non fanno che peggiorare questo problema. Un sensore connesso potrebbe rilevare e segnalare sprechi o inefficienze in un particolare impianto o fabbrica, ma se queste informazioni non vengono raccolte e condivise, perde il suo valore.

Qui che entrano in gioco i sistemi ERP

Questi sistemi di gestione aziendale collegano l’intera catena di processo, dalla fornitura alla gestione delle relazioni con i clienti, all’inventario e alle risorse umane. Potrebbero essere considerati la colonna portante all’interno del corpo digitale di un’azienda, con l’obiettivo che tutti i sistemi possano fornire più valore più a lungo.

Questi tipi di sistemi sono in uso dagli anni ’90, ma ora gli ERP basati su cloud hanno migliorato la velocità, la flessibilità e l’accessibilità poiché possono connettersi, sfruttare e fornire visibilità di ciascun sistema aziendale e parte della catena di fornitura.

Sostenibilità come sinonimo di successo

Il potenziale dei sistemi ERP per migliorare la sostenibilità industriale è enorme. I manager dell’azienda hanno una visione globale del funzionamento dell’organizzazione grazie a strumenti e capacità di analisi con cui possono identificare le inefficienze in modo rapido ed efficiente, dalla sovrapproduzione in uno stabilimento all’eccessivo consumo di energia da parte di una singola macchina o applicazione dell’azienda. Quindi, una volta scoperto il problema, puoi agire rapidamente per risolverlo.

Naturalmente, non è solo l’ambiente a beneficiare della riduzione delle emissioni e dei consumi energetici. Si stima che le aziende di tutto il mondo potrebbero risparmiare fino a 22 trilioni di euro entro il 2030 adottando pratiche più sostenibili.

Dopo la crisi derivata dalla pandemia, i produttori si stanno concentrando sulla riduzione dei costi, sul miglioramento delle efficienze e sulla riduzione dei costi energetici, aspetti che incidono direttamente sui costi totali dell’azienda.