Che cos’è un articolo SEO

Hai scritto un articolo nel tuo blog, e pensi che sia abbastanza buono. Ma è adatto a competere con i milioni di altri articoli nell’indice di Google sullo stesso argomento? In questo post, spiegherò come potenziare i tuoi articoli in modo che possano essere i più pertinenti per la ricerca di una persona sull’argomento.

Che cos’è un articolo SEO?

Un articolo SEO è un contenuto scritto come un post di un blog che è presente sul tuo sito web come una pagina con un URL univoco. Un articolo SEO educa, informa e/o intrattiene il tuo pubblico di destinazione con competenza e qualità. Un articolo SEO è anche ottimizzato per i motori di ricerca in modo che abbia maggiori possibilità di arrivare alla Pagina 1 dei risultati di ricerca.

Perché dovresti scrivere un articolo SEO

Ecco sei motivi per cui dovresti scrivere un articolo SEO.

1. Il contenuto web è il motivo per cui esiste Google.

Le pagine Web, inclusi gli articoli, sono ciò che i motori di ricerca come Google memorizzano nel loro indice. Quando qualcuno esegue una ricerca, il motore analizza la sua query e la abbina agli elementi indicizzati più pertinenti. Senza queste pagine web, Google non avrebbe nulla da mostrare agli utenti nei suoi risultati di ricerca.

2. L’algoritmo di Google sta diventando sempre più intelligente, ma ha ancora bisogno di aiuto.

Un articolo SEO è ottimizzato per la ricerca in modo che possa aiutare i motori di ricerca a capire meglio di cosa tratta l’argomento (vedi le Linee guida per i webmaster di Google per ulteriori informazioni). Ciò aumenta la possibilità che venga considerato rilevante per una query e venga visualizzato nella pagina 1 dei risultati di ricerca.

3. Essere trovati per una ricerca può avere un impatto sulle tue entrate.

Il canale di ricerca organica indirizza in media oltre il 50 percento del traffico verso un sito web (e fino al 64 percento per i B2B). La ricerca organica è anche responsabile fino al 60% delle entrate rispetto ad altri canali.

4. Puoi stabilire la tua esperienza e autorità su un argomento.

Google attribuisce più valore ai siti Web con elevata competenza e autorità e un articolo ben scritto è uno dei modi principali per dimostrarlo. Pagine e siti Web di alta qualità richiedono competenze sufficienti per essere autorevoli
e affidabile sul loro argomento.

5. Delizia il tuo pubblico previsto.

Gli articoli SEO possono portare a cose come visite di ritorno al tuo sito, più tempo sul tuo sito per visualizzare altri contenuti e conversioni.

La creazione di contenuti accattivanti e utili influenzerà probabilmente il tuo sito Web più di qualsiasi altro fattore discusso qui. Gli utenti conoscono un buon contenuto quando lo vedono e probabilmente vorranno indirizzare altri utenti ad esso. Ciò potrebbe avvenire tramite post di blog, servizi di social media, e-mail, forum o altri mezzi.

Il buzz organico o il passaparola è ciò che aiuta a costruire la reputazione del tuo sito sia con gli utenti che con Google, e raramente arriva senza contenuti di qualità.

6. Batti la concorrenza nei risultati di ricerca.

Un articolo ottimizzato per la ricerca utilizza i dati per migliorarlo. Scopri cosa sta facendo il contenuto più in alto sullo stesso argomento. Quindi puoi incontrarlo o superarlo.

Come si scrive un articolo SEO?

Per scrivere un articolo SEO, hai bisogno di almeno queste due cose:

  • Scrittore professionista ed esperto in materia.
  • Strumenti SEO in grado di fornire i dati necessari per ottimizzare i contenuti.

Ecco otto passaggi chiave per scrivere un articolo SEO.

Passaggio 1. Definire le specifiche del documento.

Innanzitutto, specifica i fatti di base dell’articolo come l’argomento, le parole chiave target, il meta titolo, la meta descrizione e l’URL. Nella parte superiore del documento, crea una tabella che contenga i dettagli chiave per il nuovo contenuto. Questa tabella ti aiuta a organizzare tutti i dettagli di un articolo ben ottimizzato prima di iniziare a scrivere.

Passaggio 2. Crea contenuti scritti in modo esperto.

Google vuole che i risultati di ricerca su Page One abbiano un elemento di competenza. Questo perché Google vuole che i suoi utenti siano soddisfatti dei suoi risultati. Anche i contenuti di qualità rendono felice il tuo pubblico.

Detto questo, prima di scrivere un articolo, assicurati di avere almeno uno dei seguenti:

  • Competenza in materia o un esperto in materia che puoi intervistare
  • Capacità di scrittura o scrittore professionista
  • Un editore esperto

Ad esempio, se sei un esperto in materia ma non sei sicuro della tua capacità di scrivere, assumi un ghostwriter o un editore. Se sei uno scrittore, assicurati di avere accesso a un esperto in materia (o a capacità di ricerca davvero eccezionali) per aiutarti a creare il pezzo.

Anche:

Gli utenti apprezzano i contenuti ben scritti e facili da seguire.

Evitare:

Di Scrivere testi sciatti con molti errori ortografici e grammaticali e Contenuti imbarazzanti o scritti male. …

Passaggio 3. Utilizza gli strumenti SEO.

Molti scrittori non sono formati in SEO, quindi padroneggiare un articolo SEO può intimidire. Buone notizie: esistono strumenti SEO che possono aiutare gli scrittori a ottimizzare facilmente i loro contenuti.

Ad esempio, il plug-in SEO per WordPress di Bruce Clay aiuta i creatori di contenuti a ottenere dati SEO prima, durante e dopo il processo di scrittura. Quindi gli articoli sono ottimizzati con le migliori pratiche per una query di ricerca specifica (non le migliori pratiche generali che non sono così utili).

Passaggio 4. Parole chiave di ricerca (ovvero query di ricerca).

Cosa digita il tuo pubblico nella barra di ricerca di Google quando cerca le informazioni che hai sul tuo sito web?

Nella sua SEO Starter Guide, Google spiega le basi della ricerca di parole chiave:

Pensa alle parole che un utente potrebbe cercare per trovare una parte dei tuoi contenuti. Gli utenti che sanno molto sull’argomento potrebbero utilizzare parole chiave diverse nelle loro query di ricerca rispetto a qualcuno che non conosce l’argomento. Ad esempio, un tifoso di lunga data potrebbe cercare [fifa], acronimo di Fédération Internationale de Football Association, mentre un nuovo tifoso potrebbe utilizzare una query più generica come [playoff di calcio]. Anticipare queste differenze nel comportamento di ricerca e tenerne conto mentre scrivi i tuoi contenuti (usando un buon mix di frasi chiave) potrebbe produrre risultati positivi.

Vuoi avere almeno un termine di ricerca principale con cui ottimizzi il tuo articolo e fino a due frasi chiave secondarie. Significa che devi usarne più di uno? No. Ma per alcuni può essere una strategia avanzata.

A questo punto, vale la pena notare che un articolo sarà naturalmente ottimizzato quando lo scrivi. Questo perché se scrivi abbastanza parole (di qualità) su un argomento, le parole che usi descriveranno bene il contenuto.

Allora perché ottimizzare? Per aiutare i tuoi fantastici contenuti a competere meglio nei risultati di ricerca. Quando utilizzi query di parole chiave specifiche nei tuoi contenuti, può segnalare a Google che i tuoi contenuti sono più pertinenti alla query del ricercatore rispetto ad altri contenuti simili disponibili.

Passaggio 5. Identificare e analizzare la concorrenza.

Sapevi che la concorrenza online consiste nelle pagine con il ranking migliore per le tue parole chiave? Queste sono le pagine web in cui stai cercando di attirare l’attenzione nei risultati di ricerca.

Una volta che hai le tue parole chiave, puoi iniziare un’analisi competitiva. Utilizzando gli strumenti SEO giusti puoi scoprire quali pagine si trovano nelle prime posizioni su Google per la tua query di ricerca.

È qui che le cose si mettono bene. Armati di questi dati, non stai seguendo ciecamente le migliori pratiche SEO generali (“Devono essere 1.000 parole!”) Per il tuo articolo. Stai ottimizzando specificamente per essere alla pari con, o addirittura superare, i migliori risultati per quella parola chiave.

Ad esempio, il plug-in SEO per WordPress di Bruce Clay esamina la concorrenza e presenta dati come:

  • Conteggio totale delle parole a cui mirare
  • Il tag del titolo e la lunghezza della meta descrizione
  • Il numero di volte in cui viene utilizzata una parola chiave
  • Il punteggio di leggibilità del tuo articolo SEO rispetto alle pagine web con il ranking migliore
    (E tutto questo avviene in tempo reale prima o durante il processo di scrittura, non dopo.)

Passaggio 6. Ottimizza il contenuto del tuo articolo SEO

A questo punto, dovresti avere sia l’articolo ben scritto che le tue parole chiave. Ora è il momento di ottimizzare. Vuoi che le tue parole chiave vengano visualizzate in modo naturale nel contenuto. Quindi il primo passo è identificare dove potresti essere in grado di cambiare alcune parole o frasi con i tuoi termini chiave.

Regola n. 1: assicurati sempre che si legga bene. Schiaffeggiare le tue parole chiave in qualsiasi vecchio posto senza riguardo alla grammatica può far sembrare il tuo articolo spam a Google e infastidire i lettori. Ottimizza i contenuti per i tuoi utenti, non per i motori di ricerca… Progettare il tuo sito in base alle esigenze dei tuoi visitatori assicurandoti che il tuo sito sia facilmente accessibile ai motori di ricerca di solito produce risultati positivi.

Evitare:

– Inserimento di numerose parole chiave non necessarie rivolte ai motori di ricerca ma fastidiose o prive di senso per gli utenti. …

In generale, desideri che le tue parole chiave siano distribuite uniformemente in tutto il contenuto dall’alto verso il basso. Per ulteriori informazioni, consulta il nostro articolo approfondito su come utilizzare le parole chiave nei contenuti e dai un’occhiata al nostro pratico e stampabile

Passaggio 7. Rivedere il contenuto.

A seconda delle dimensioni della tua organizzazione o delle circostanze, avrai anche bisogno di una revisione editoriale e SEO prima che l’articolo venga pubblicato. Ciò può garantire che l’articolo sia scritto bene, privo di errori e in linea con le linee guida di Google.

Tieni presente che se accetti i post degli ospiti, dovresti mantenere quel contenuto secondo gli stessi standard del contenuto che produci internamente. Non farlo può avere gravi implicazioni per la qualità del tuo sito.

Ad esempio, i post degli ospiti sbagliati possono far sì che un sito venga colpito da una penalità manuale da parte di Google.

8. Tieni traccia delle prestazioni del contenuto

Scrivere un articolo SEO non è un approccio impostalo e dimenticalo. Dovrai monitorare le prestazioni di quell’articolo e imparare dai dati.

Utilizzando Google Analytics o uno strumento SEO come il plug-in SEO per WordPress, puoi visualizzare il rendimento di un articolo SEO nella ricerca. Ti consigliamo di guardare cose come:

  • Il numero di visualizzazioni di pagina
  • Tempo medio sulla pagina
  • Quali query stanno portando traffico di ricerca a quell’articolo SEO

Competi meglio nei risultati di ricerca con articoli ottimizzati

Un articolo SEO è un articolo di qualità ottimizzato per la ricerca scritto sia per i lettori che per i motori di ricerca. Questi articoli hanno maggiori possibilità di essere visualizzati nella pagina 1 dei risultati di ricerca.

Ci sono diversi motivi per cui vorresti scrivere un articolo ottimizzato, incluso ottenere più traffico sul tuo sito dai risultati di ricerca organici.

Con il processo e gli strumenti giusti, come quelli menzionati in questo articolo, sei sulla buona strada per conquistare sia i tuoi lettori che i motori di ricerca.